Mi sono fermato a riflettere su quanto Rosignano Solvay, la cittadina in cui vivo, sia cambiata nell’ultima decade, e come fotografo di quante poche immagini abbia scattato a testimonianza di questo cambiamento, è per questo motivo che ho pensato a “Io c’ero” perchè anche nell’era degli smartphone e dei social i ricordi raccontati dalle persone restano importanti, “Io c’ero” è una serie di ritratti degli anziani di Rosignano associati ad un loro ricordo su come era Rosignano tanti anni fà….

Io c’ero è un viaggio nella storia di Rosignano Solvay attraverso i ricordi di chi la storia del nostro Paese l’ha vissuta, l’ha respirata, addirittura oserei dire l’ha fatta.

Un viaggio composto da ritratti di persone che hanno visto Rosignano crescere, cambiare, evolversi e diventare quello che oggi noi diamo completamente per scontato, ma che scontato non è, infatti è stato il contributo di molte generazioni che ha dato l’identità alla Rosignano odierna, è sempre una questione di persone, è sempre grazie alle persone che le cose accadono, che le cose cambiano, o si trasformano, ed è grazie ai ricordi delle esperienze di quelle persone che possiamo viaggiare nella storia con punti di vista privilegiati che ci danno l’opportunità di rivivere quello che non c’è più, a volte con nostalgia, a volte con un sorriso che inevitabilmente si “stampa” sul nostro viso mentre ascoltiamo le storie di tempi che non sono più.

Questo è “Io c’ero” ritratti e ricordi, persone e storia, generazioni e futuro.